image-970

facebook
youtube
instagram

CONTATTI

Croce Azzurra Ospedale Veterinario
Piazzale Cina, 68/72 (Eur Torrino) – 00144 – Roma
Tel. +39 06 52 20 0364 / +39 06 52 03 724
info@ospedalecroceazzurra.it 

Filariosi cardio-polmonare: l’arma migliore è la prevenzione

2021-03-30 10:37

admin

Filariosi cardio-polmonare: l’arma migliore è la prevenzione

La filariosi cardiopolmonare è una grave infestazione parassitaria sostenuta da vermi tondi del genere Dirofilaria, specie D. immitis. Sebbene in passato fosse

La filariosi cardiopolmonare è una grave infestazione parassitaria sostenuta da vermi tondi del genere Dirofilaria, specie D. immitis. Sebbene in passato fosse nota soltanto una endemia relativa ad alcune aree geografiche del centro-nord Italia, oggi è nota un’ampia distribuzione su gran parte del territorio nazionale. La trasmissione del parassita è indiretta, quindi non si trasmette direttamente da cane a cane, ma necessita di
un ospite intermedio, che in questo caso è rappresentato da zanzare del genere Culex.
Occasionalmente anche altre specie possono essere infestate, incluso il gatto.
L’infestazione ha un andamento cronico che può durare diversi anni e può restare a lungo asintomatica. Il rischio clinico è rappresentato dai vermi adulti che si localizzano nelle vene polmonari e talvolta nelle camere cardiache di destra, dove possono provocare grave sintomatologia respiratoria e talvolta insufficienza cardiaca destra con esito potenzialmente mortale. In questi stadi il trattamento è complesso e rischioso, per questo motivo è fondamentale effettuare una adeguata profilassi, che risulta invece semplice, sicura ed estremamente efficace.
In cosa consiste la profilassi per la filariosi cardio-polmonare?
Il medico veterinario, dopo aver eseguito una attenta valutazione clinica ed eventuali test di screening per rilevare infestazioni asintomatiche in atto, prescriverà uno dei numerosi prodotti esistenti in commercio in relazione alle esigenze del paziente o del proprietario. Il trattamento
consiste nell’utilizzo di molecole che, incluse in svariate formulazioni (compresse, spot-on, iniezioni, ecc), hanno lo scopo di uccidere gli stadi larvali o di impedirne lo sviluppo a parassiti adulti (vermi). Il trattamento deve fornire protezione per tutto il periodo di attività del vettore,
quindi da aprile/maggio sino a novembre/dicembre.

Il mio cane viene mensilmente trattato con antiparassitari repellenti per mosche e zanzare, devo
comunque richiedere la profilassi specifica?
Si, i prodotti repellenti possono ridurre la probabilità che il cane venga punto da una zanzara infestata ma non svolgono alcun ruolo nell’inibire la trasmissione qualora avvenga il pasto di sangue. Data la farmaco-sicurezza dei prodotti disponibili in commercio e l’estrema efficacia di
questi ultimi è fortemente raccomandato un trattamento specifico, su indicazione del medico veterinario.

Privacy Policy e Cookie Policy

WEBIDOO-LOGOFOOTER

Farmed by WEBIDOO

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder